Altre novità da Fujifilm: XQ2, FinePix S9800 e FinePix XP80

X-Q2_Silver_Front_Right_Wide-r44

Ieri, insieme alla X-A2, Fujifilm ha presentato anche un tris di compatte, l'una diversa dall'altra. La XQ2 è una compatta premium con sensore X-Trans CMOS II da 2/3" con sensibilità ISO da 100 a 12800. Cattura immagini a 12MP e video in Full HD grazie al processore d'immagine EXR II. Il sistema AF mette a fuoco in soli 0,06 secondi e l'obiettivo è un 25-100 f/1,8-4,9 con modalità Super Macro da 1cm. Il Display LCD è da 3" con 920 mila punti, dispone di un piccolo flash integrato e funzioni creative. La fotocamera arriverà sul mercato in marzo con un prezzo di 379,99€.

S9800_Black_Front_Left-r60

La FinePix S9800 è invece una bridge tradizionale, con corpo da piccola reflex ed obiettivo molto esteso. Il sensore è un BSI CMOS da 1/2,3" da 16,2MP, mentre l'obiettivo 24-1200mm offre un ingrandimento di ben 50x con luminosità f/2,9-6,5 e Super Macro da 1cm. Ottima la stabilizzazione ottica a 5 assi. La sensibilità arriva a 12800 ISO e può registrare video in Full HD. I controlli possono essere completamente manuali e dispone sia di un display che di un mirino elettronico. Particolare l'alimentazione con batteria AA. Sarà in vendita da marzo per 299,99€.

XP80_Yellow_Front_left-r60

Infine abbiamo la FinePixe XP80, ovvero un rugged camera. Anche in questo caso il sensore è un BSI CMOS da 1/2,3" con 16,4MP. L'obiettivo offre uno zoom 5x, equivalente ad un 28-140mm f/3,9-4,9, con stabilizzazione ottica. Dispone di Wi-Fi, che consente anche di collegare uno smartphone per geolocalizzare le foto, e di filtri avanzati e diverse modalità foto/video creative come la Motion Panorama 360°. Lo schermo è solo da 2,7" ma è realizzato con un particolare trattamento anti-riflesso per poter essere usata anche con forte luce solare. Ha la certificazione IP68 che le garantisce impermeabilità fino a 15 metri, cadute da 175 cm e resistenza anche -10°C. Sarà disponibile da marzo con un prezzo di 199,99€.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram