Il MacBook Pro 15" potrebbe saltare Broadwell e passare direttamente a Skylake

Un documento interno di Intel, pubblicato dal blog cinese BenchLife (via Appleinsider), mostra quelle che potrebbero essere le tempistiche di disponibilità dei nuovi processori di sesta generazione, denominati Skylake.

intel-skylake-schedule-

La line-up dovrebbe iniziare con il lancio ad agosto della serie S, tra cui il top di gamma desktop Core i7-6700K quad-core. Da settembre in poi dovrebbero seguire, fino a gennaio 2016, le serie U, Y e H, rispettivamente destinate al settore mobile, ultrabook ed all-in-one. Molti dei processori desktop della serie Broadwell non sono stati ancora lanciati, quindi potrebbero essere sostituiti nel giro di pochi mesi dalle versioni Skylake. Apple ha utilizzato la linea Broadwell-Y con i processori Core M nel MacBook da 12". Il MacBook Air e il MacBook Pro da 13" sono stati, invece, aggiornati con la linea U. Per quanto riguarda il MacBook Pro da 15", la scorsa settimana è stato lanciato l'upgrade mantenendo i chip Haswell visto che Intel non ha reso disponibili i processori mobile Broadwell quad-core. Date le tempistiche del documento potrebbe esserci direttamente il salto a Skylake per questo device. Skylake rappreseta la fase "tock" della strategia di Intel denominata "tick-tock". Nella fase "tick" viene proposto un nuovo processo di produzione che poi viene migliorato con nuove funzionalità e maggior efficienza energetica in quella"tock". Skylake infatti si basa sul processo di produzione a 14 nm introdotto con Broadwell, migliorato con il supporto alla tecnologia WiGig per scambiare dati fino a 7 gigabit wireless e allo standard Rezence per la ricarica induttiva. Tutto ciò con un contenimento dei consumi grazie ad una maggiore efficienza e alla concentrazione di diversi sotto-sistemi all'interno della sola CPU.

Salvatore Tirino

Junior Editor - Praticante avvocato, appassionato di tecnologia a 360 gradi, in particolare di tutto ciò che riguarda il mondo Apple.