Come esportare Contatti e Calendari da iCloud a Google ed usarli su iOS, OS X ed Android

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Diego Bianconi, Andrea Maurizi, Marco Zerbato, Luigi Filippo Nardi, Ciro Sagona, Luca Degasper, Raffaele Gavinelli.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Il mese scorso ho pubblicato un articolo dal titolo vivere cross-platorm, in cui ho spiegato la mia ricetta per avere i dati nel cloud e gestirli indistintamente da iOS ed Android con app simili o identiche. Per quanto riguarda i contatti e i calendari ho suggerito la possibilità di spostarli da iCloud a Google, in quanto questo quest'ultimo viene gestito nativamente da entrambi i sistemi operativi, nonché su OS X. Alcuni utenti mi hanno chiesto come si effettua il trasferimento, ma è una procedura piuttosto semplice. Per quanto riguarda i contatti, dobbiamo accedere al nostro account Gmail, cliccare sull'ingranaggio in alto a destra e scegliere Impostazioni. Qui bisogna andare nel tab "Account e importazione" e cliccare sul link "Importa messaggi e contatti". Non preoccupatevi del fatto che parla anche di messaggi, potremo deselezionarli più avanti.

gmail-importa-contatti

Si aprirà una finestrella in cui si susseguiranno 3 passaggi: nel primo va digitato l'indirizzo email del nostro account iCloud, nel secondo la password e nel terzo si deve fare attenzione a selezionare solo la voce "Importa contatti". Alla fine si clicca su "Avvia importazione" e Google si prende in carico la richiesta eseguendola in pochi minuti (segnala che ci possono volere alcuni giorni, ma in realtà è rapidissimo).

gmail-importa-contati-icloud

Per chi non volesse digitare i dati del propria casella di posta iCloud sui malefici server di Google, è anche possibile accedere sul sito iCloud.com alla sezione Contatti, selezionarli tutti con ⌘A e poi cliccare su "Esportazione vCard..." Si otterrà così un file .vcf che può essere importato nella pagina contacts.google.com selezionando l'opzione Altro / Importa.

Fatto questo passiamo ai Calendari, che richiedono un pizzico di impegno in più. È infatti necessario seguire un procedimento completamente manuale, iniziando dall'omonima app su OS X. Dobbiamo selezionare uno ad uno i singoli calendari iCloud che vogliamo portare su Google e per ognuno di essi scegliere dal menu File / Esporta / Esporta... Otterremo così una serie di file .ics.

esporta-calendari-osx

A questo punto passiamo sul browser, accedendo con i nostri dati sulla pagina calendar.google.com. Clicchiamo sull'icona a forma di ingranaggio in alto a destra e scegliamo "Impostazioni". Qui dobbiamo entrare nella sezione Calendari e poi cliccare sul pulsante "Crea nuovo calendario" andando ad assegnare un nome ed una descrizione allo stesso. Questa procedura va eseguita tante volte quanti sono i calendari da importare.

google-crea-calendario

Dopo aver eseguito questa procedura ci troveremo con tutti i calendari pronti ma vuoti, quindi dobbiamo tornare nella stessa pagina di prima e cliccare su "Importa calendario". Si aprirà una piccola finestrella in cui va selezionato sopra il file .ics esportato da OS X e sotto il calendario di Google in cui mettere i dati. Anche questo passaggio va eseguito per tutti i calendari.

importa-calendari-ics-google

A questo punto su Android ci troveremo già i calendari dell'account Google integrati nel sistema, mentre su iOS ed OS X sarà necessario disabilitare quelli di iCloud ed attivare quelli di Gmail. Iniziamo da iOS, accendendo ad Impostazioni / Posta, Contatti e Calendari. Qui bisogna selezionare l'account iCloud e togliere le spunte su Contatti e Calendari, poi selezionare l'account di Gmail ed attivarle.

ios-contatti-calendari-gmail-640x700

Su OS X è altrettanto facile. Bisogna accedere alle Preferenze di Sistema e poi su Account Internet. Troveremo sulla sinistra tutte le varie caselle di posta elettronica e dovremo selezionare quella di iCloud disattivando sempre Contatti e Calendari per poi attivarli su quella di Google. Finito.

contatti-calendari-google-osx

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram