MWC 2016: Sony presenta la nuova famiglia Xperia X e i concept Eye, Projector, Agent

Xperia-X-Lime-Green

La mattinata di oggi è stata tutta di Sony, che al MWC 2016 ha presentato la nuova gamma di smartphone Xperia X. Si tratta di 3 dispositivi molto simili esternamente, che riprendono in gran parte il design della serie Z. A caratterizzarli troviamo essenzialmente una fotocamera da 23MP con autofocus predittivo, tecnologia mutuata dalle mirrorless di casa, che raggiunge sensibilità di 12800 ISO e offre un zoom digitale migliorato che Sony chiama Clear Image 5x. Particolarmente rilevante anche il modulo fotografico frontale, il quale raggiunge ben 13MP. Altro elemento che caratterizza tutta la serie X è la batteria, in grado di fornire 2gg di autonomia.

Xperia X all

Il primo dei tre smartphone si chiama proprio Xperia X e monta un processore Snapdragon 650 con 3GB di memoria e schermo da 5" FullHD. Il più prestante e costoso è invece lo Xperia X Performance, dotato di Snapdragon 820 e medesimi display e memoria. Alla base gamma si trova Xperia XA, con CPU MediaTek Helio P10, GPU Mali-T860MP2, 2GB di RAM e schermo 5" 720p. Su questo scendono anche le specifiche delle fotocamere: 13MP la principale e 8MP la frontale.

Il sistema operativo su tutti i prodotti sarà basato su Marshmallow, cosa prevedibile visto anche l'arrivo sul mercato niente poco di meno che per giugno. I prezzi saranno resi noti più avanti, ma potrebbero essere piuttosto interessanti. Insieme agli smartphone, Sony ha anche presentato i concept di una nuova famiglia di dispositivi molto particolari, ovvero la fotocamera indossabile Xperia Eye, il mini proiettore con possibilità di interazione touch Xperia Projector e l'assistente vocale Xperia Agent (che ricorda un po' Echo di Amazon). Di questi, però, avremo notizie dettagliate nel corso dell'anno.

xperia-eye-project-agent

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram