L'Echo made in Apple potrebbe essere in dirittura di arrivo

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Ivan Dama, Paola Bellini.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

 

Lo smart hub di Apple potrebbe diventare realtà già alla prossima WWDC di giugno 2017. A rivelarlo è il leader australiano Sonny Dickson che ha pubblicato su Twitter (via MacRumors) che lo sviluppo del dispositivo è giunto alle fasi finali.

Seguendo la scia delle indiscrezioni diffusesi lo scorso mese di settembre, lo smart hub (nome in codice B238) dovrebbe avere dimensioni importanti come gli speaker Google Home (a differenza dei prodotti della linea Echo di Amazon) e sarà grosso modo simile all'attuale modello di Mac Pro, cilindrico e con una cavità superiore. Un classico esempio di riciclo di design industriale, visto che il computer sarà sottoposto ad un importante restyling il prossimo anno.

Il comparto audio è stato sviluppato ovviamente da Beats, mentre il sistema operativo sarà basato, come tutti i nuovi dispositivi di Cupertino, su iOS (siriOS?). Ovviamente, ci si aspetta una fortissima integrazione con Siri e con HomeKit, oltre che con il protocollo AirPlay per la riproduzione remota dei contenuti musicali dai dispositivi Apple. Infine, alcune ulteriori fonti interne hanno specificato che il device potrebbe essere dotato di una videocamera frontale per il riconoscimento facciale.

Dickson era già noto alle cronache per aver diffuso in passato alcune foto dei componenti di iPhone e iPad (come le scocche in policarbonato di iPhone 5c) e , quindi, potrebbe avere una fonte interna ad Apple. Per sapere se anche questa volta avrà avuto ragione, non ci resta che attendere ancora un mese e poco più.

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.