iOS 11.3 Beta 2 introduce la nuova sottosezione "Stato Batteria" nelle Impostazioni

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Walter Di Matteo, Stefano Ferri.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Ogni promessa è debito, ed Apple l'ha mantenuta anche stavolta. Parliamo della famosa sottosezione nelle Impostazioni dedicata allo stato di salute della batteria, non presente nella prima Beta di iOS 11.3 ma previsto per una delle successive. Detto fatto, "Stato Batteria" ha fatto la sua comparsa ufficiale nella Beta 2, con tanto di articolo sul Supporto Apple per spiegarne in anticipo il funzionamento al grande pubblico in attesa del rilascio finale previsto in primavera.

La nuova sottosezione fa parte, come prevedibile, della sezione generale "Batteria". Offre una breve spiegazione sull'usura nel corso del tempo, rinviando ad una pagina più dettagliata attraverso l'apposito link, e lo stato di capacità del comparto energetico del proprio dispositivo. Non viene indicato il numero di cicli di ricarica già effettuati, ma solo una percentuale. Man mano che questa si abbassa, il messaggio sottostante varia. Finché la frase riportata è quella in risalto nell'immagine soprastante, non c'è da preoccuparsi: l'iPhone è alle sue massime prestazioni e nessun accorgimento restrittivo è stato applicato.

Quest'altro messaggio invece può essere un primo segnale di attenzione, avvisando che è stato attivato il sistema di gestione delle prestazioni rallentando gradualmente il SoC man mano che lo stato della batteria peggiora e non regge più elevati carichi di lavoro. Il meccanismo è disattivato di default all'installazione e lo sarà anche per quei dispositivi che attualmente ne fanno uso con la versione corrente di iOS. Resterà inattivo finché non avverrà un altro evento che porti allo spegnimento improvviso dell'iPhone. Anche qualora si riattivasse, verrà comunque data la possibilità di disattivarla nuovamente, almeno fino al successivo brusco shutdown. Quando non è in funzione, il messaggio viene modificato con la dicitura "Hai disabilitato manualmente le opzioni di protezione della gestione delle prestazioni".

Il giorno del giudizio, se così potremmo definirlo, per il proprio iPhone sarà l'arrivo del doppio messaggio soprastante. Quando la capacità scenderà sotto l'80%, l'utente verrà avvisato del calo consistente e invitato alla sostituzione della batteria. Potrà in ogni caso decidere di proseguire, anche disattivando la gestione più aggressiva delle prestazioni. Tra i casi approfonditi, Apple ne ha anche inserito un quarto: se la batteria non risulta correttamente montata o se non è originale, la funzionalità di controllo non sarà operativa, segnalando il mancato riconoscimento.

Benché molto semplificato, quanto arriverà in iOS 11.3 aiuterà senz'altro a farsi un'idea più compiuta dello stato del proprio dispositivo e lascerà libero arbitrio in merito alle performance. I modelli coinvolti dall'iniziativa saranno soprattutto iPhone 6, 6s, SE e 7, gli stessi già oggi soggetti al throttling in presenza di problemi. I nuovi 8 e X, oltre ad appunto la relativa freschezza sul mercato, dispongono di un comparto energetico differente che permette una gestione più precisa, meno impattante sulle prestazioni. Ovviamente, il tempo e l'uso avrà la meglio anche sulle loro batterie, pertanto ad un certo punto saranno soggetti all'inesorabile messaggio di sostituzione.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.